Pro Loco Termini Imerese

Targa Florio: la corsa automobilistica più antica del mondo

Targa Florio, la corsa automobilistica più antica del mondo.

www.fondazionetargaflorio.eu
www.ecotargaflorio.com

Spot su YouTube

 

LA TARGA FLORIO - LA GARA CHE E' UNICA AL MONDO
 

Il progetto di un circuito in Sicilia nacque nella fantasia di Vincenzo Florio nel 1905 dopo la disputa della Coppa Florio a Brescia. In quegli anni ormai avvolti nel mito del personaggio, l'automobilismo nasceva e prosperava in Francia e Florio, rampollo di una fortunata famiglia che aveva ereditato le grandi fortune accumulate dal genio commerciale e industriale del senatore Vincenzo Florio, strenuo rappresentante del commercio siciliano nel mondo, si trasferiva continuamente in terra francese, e manteneva stretti ed affettuosi rapporti con Henry Desgranges.
L'idea matrice della “Targa” fu un “giro” di strade che riunisse in qualche centinaio di chilometri tutte le accidentalità, tutti gli svantaggi, i problemi, i bisogni, le difficoltà di un qualunque viaggio automobilistico. Il contributo del Club Alpino Siciliano portò alla scelta del tracciato delle Madonie, anche per merito del conte d'Isnello.
La prima Targa Florio fu regolarmente ed esemplarmente disputata il 5 maggio 1906. Il Sen. Florio mise a disposizione dei partecipanti le navi delle sue compagnie, e con traguardo a Buonfornello, e percorso sul grande circuito delle Madonie, con una pittoresca teoria di bersaglieri piantonati lungo i punti-base del tracciato, la corsa scattò e visse la sua prima avventura.
 
Il grande circuito delle Madonie, Km. 146,901, scattava dal rettilineo di Buonfornello e si snodava attraverso Cerda, Caltavuturo, Castellana, Petralia Sottana, Petralia Soprana, Geraci, Castelbuono, Isnello, Collesano, Campofelice di Roccella e Buonfornello.
Vinse Alessandro Cagno su Itala in 9 ore e 32 minuti e 22'' e secondo fu Ettore Graziani anche lui su Itala, terza la Berliet di Bablot: come dire che l'affermazione della nascente industria italiana fu squillante.
 
L'epopea di Vincenzo Floiro era iniziata: di una gara “che ha lo scopo altamente utilitario di mettere in evidenza non già le auto eccezionali, ma le migliori vetture di tipo ed uso comune, ed il criterio intorno alla consistenza, cioè al valore delle industrie dell'auto”.
Un'epoca che trasformava il volto delle cittadine: del gran quartier generale della corsa Termini Imerese ad esempio; e che nello stesso anno faceva scrivere al pioniere alcune considerazioni illuminanti su una rivista universale d'automobilismo, con testo francese e tedesco, e che ha lasciato ai posteri la storia di quegli anni avventurosi.
 Ma nessuna forza al mondo avrebbe ormai potuto impedire a Florio di dare corso alla sua epopea. ... Il 22 aprile 1907 si disputò la seconda edizione e l'industria automobilistica d'Europa si trasferì a Termini già dieci giorni prima della corsa, con i suoi dirigenti, i suoi tecnici e massicce squadre di operai. Una città sovvertita nelle sue abitudini, attraversata in lungo e in largo da questa invasione di automobili in un asfissiante boato di motori fischiettanti.
 
Se la prima impressione è quella che conta, io dovrei conservare della Targa FlorIo un ricordo sgradevole, come il mal di mare. Poiché era autentico mal di mare quel malessere che mi aveva assalito verso la fine dei lunghi 108 chilometri del Circuito delle Madonie, la prima volta che li percorsi, dopo aver infilato, una dopo l'altra, tutte quelle curve: quante non so dirvi, benchè mi fossi prefisso di contarle.
 
Perchè il Circuito delle Madonie non è un percorso stradale come tanti altri – sia pure celebri per le loro difficoltà – è una burrasca di curve che dura per oltre cento chilometri.
 
A percorrerlo in corsa, alle medie che oggi si raggiungono, si ha più l'impressione di trovarsi su di un motoscafo alle prese con le più capricciose onde marine, che non su di una macchina stabilmente piazzata su quattro ruote.
 
Avete mai provato a contare le onde del mare? Compito abbastanza arduo: no? Ebbene lo stesso sarebbe a voler contare le curve del Circuito delle Madonie. C'è chi dice che sono 1500; chi dice che sono più di 2000, chi non meno di 5000. Io non posso dirvelo per via del mio mal di mare, ma è certo che sono tante e l'una diversa dall'altra, e l'una all'altra vicinissima sì che giustifico l'impressione della burrasca di curve in cui venni a trovarmi in quell'indimenticabile primo giro del Circuito, caro Vincenzo Florio, non per nulla armatore di navi e di organizzazioni; armatore e campione degli sports meccanici in terra e in acqua.
 
E' il fascino delle difficoltà e del rischio. Il vero automobilista non ama la strade facili, come il marinaio non ama il mare tranquillo.
 
E come in Italia vengono da tutte le parti del mondo per ammirare le bellezze della nostra terra, i capolavori della nostra arte, le vestigia della nostra civiltà millenaria, così in Italia s'ha da venire per vivere questa gara che non ha l'eguale. E quando un costruttore – italiano o straniero che sia – vuole dar lustro alla sua marca e garantire la bontà della sua produzione e delle sua vetture, non ha che da scegliere questa gara, la sola, che agli occhi del pubblico di tutto il mondo dia il responso che non si discute.
Remota io recente, la consacrazione della Targa Florio l'ebbero tutte le grandi marche europee. ... Se tu ne rifai la storia è tutto l'automobilismo italiano che passa dinanzi ai tuoi occhi come in una visione, con le sua manifestazioni liete o tristi, con i suoi campioni, con le sue conquiste.
Ed al tuo cuore di italiano e di sportivo la Targa Florio appare allora non più come una manifestazione di tecnica o di sport o di propaganda, ma come l'espressione più completa e più potente delle nostre conquiste in campo che sembrava precluso a noi popolo di artisti, di poeti e di guerrieri.

G. Canestrini

 
 
Sei qui: Home Eventi Targa Florio la corsa automobilistica più antica del mondo

Associazione Turistica Pro Termini Imerese
Via Vincenzo La Barbera, 18 - 90018 Termini Imerese (PA)

Credits
Sito realizzato da
Giacomo Seminara
Giuseppe Di Gennaro
Antonino Piritore

Suggerimenti & Segnalazioni